Ho paura di non essere più io. Tutti si accorgeranno che ho un cancro.

"Alopecia da chemioterapia" è tra gli effetti collaterali che più vanno a compromettere l’immagine corporea. 

La caduta dei capelli, dei peli, di ciglia e sopracciglia è considerato un segno della chemioterapia, e anche per questo è una delle conseguenze più temute dai pazienti: non solo perché incide in maniera significativa sulla propria immagine, ma anche perché rende evidente a chiunque il proprio stato di malattia. 

woman_brushing_hair_199266

 

La chemioterapia utilizza farmaci anticancro che hanno la funzione di aggredire le cellule tumorali inibendone, in questo modo, la crescita e lo sviluppo. Non discriminando solo le cellule tumorali, i farmaci, agiscono in maniera secondaria sulle cellule con una proliferazione veloce come: le cellule del bulbo pilifero e delle unghie, del sangue e delle mucose.

I capelli possono cadere in forma parziale o totale, oltre ai capelli, può capitare anche di perdere sopracciglia, ciglia e peli.

Alcuni rendono solo i capelli più fini e radi, altri non agiscono proprio a questo livello. Inoltre è bene ricordare che il fenomeno è reversibile e i capelli ricominciano a crescere dopo poche settimane dalla fine del trattamento. Tutto torna completamente alla normalità entro 4-6 mesi dal termine delle cure.

Nel frattempo, se non ci si sente a proprio agio, è possibile ricorrere a parrucche oppure a foulardcappelli  consigliati soprattutto d’estate.

E’ bene chiarire che non tutti i farmaci impiegati durante le terapie chemioterapiche provocano la caduta capelli e che bisogna sempre confrontarsi con l'oncologo che spiegherà al paziente tutti gli effetti collaterali che potrebbero insorgere con il trattamento.

In ogni caso conviene chiedere informazioni al personale medico-infermieristico: molti centri adottano una strategia integrata e prevedo consulenze estetiche gratuite e specifiche, con giornate informative su pelle e soluzioni tricologiche, make-up, trattamenti estetici viso e corpo e consulenza d’immagine per minimizzare gli effetti delle terapie.

Prima della chemioterapia 

  • Accorciare i capelli prima di sottoporsi al trattamento per ridurre la trazione sul cuoio capelluto e minimizzarne la caduta. Evitare il taglio con il rasoio manteneteli di una lunghezza di 0.5 /1 cm.  Viceversa, se preferite passare in maniera discreta dal vostro taglio di capelli abituale alla parrucca, consiglio di scegliere un modello molto simile alla vostra capigliatura e di aspettare la caduta naturale dei capelli senza tagliarli.

Durante la chemioterapia e tra un ciclo e l’altro

  • Detergenti ad alta tollerabilità cutanea senza solfati in Mousse che rispettano i capelli fragilizzati e che sia particolarmente delicati sulla cute.  In caso di secchezze, pruriti e formicoli può dare sollievo l’utilizzo di Oli Vegetali arricchiti con Vitamina E che ripristinano il mantello idro-lipidico.
  • Utilizzare spazzole morbide, evitare code, piastre, colorazioni e qualsivoglia trattamento che possa stressare il capello.
  • Indossare una parrucca di alta qualità, turbanti o cappellini  giocando con i colori e con gli stili. 

Dopo la chemioterapia 

I capelli ricrescono dopo circa 21/30 giorni dall’ultima infusione. Questo accade perchè i follicoli dei peli e dei capelli, così come le altre cellule sane dell'organismo, dopo essere state aggredite dalla terapia, si riprendono con grande velocità e tornano alla loro normale attività.

Nei primi tempi i capelli ricresciuti appaiono di consistenza sottile e non sempre omogenei ma, entro 3-6 mesi, torna una chioma folta e lucida come prima. Tuttavia, la crescita dei capelli è spesso causa di prurito del cuoio capelluto, utilizzate prodotti delicati senza solfati in Mousse. I nuovi capelli possono essere più ricci o fini rispetto a prima, e in alcuni casi possono presentare leggere modifiche alla colorazione. Se i capelli sono secchi può essere utile applicare sulle punte qualche goccia di olio e una volta a settimana anche sulle vostre lunghezze qualche goccia di Olio Rigenerante a base di Olio di Mandorle, Lino, Oliva e Rosa Mosqueta per renderle forti e robuste. Lasciare in posa qualche ora e poi risciacquare. Per gli irrinunciabili della colorazione permanente è preferibile la tecnica delle meches o della cuffia. Il cuoio capelluto può particolarmente sensibili ed è meglio evitare l’esposizione a sostante tossiche.

 

IMPORTANTE – Le informazioni qui sopra riportare hanno uno scopo puramente informativo. Chiedere sempre il parere del proprio medico.